Y

Statuto

del circolo on-line del Partito Democratico "Per la Citta’ Mondo”

STATUTO DEL CIRCOLO ON-LINE DEL PARTITO DEMOCRATICO
“PER LA CITTA’ MONDO”

Articolo 1

E’ costituito, a norma dell’articolo 36 e seguenti del Codice civile, il Circolo on-line del Partito Democratico  “ Per la Città Mondo”, di seguito denominato “il Circolo”.

Articolo 2

Il Circolo ha lo scopo di porre in essere tutti gli atti necessari per l’organizzazione delle attività legate allo sviluppo della iniziativa politica del Partito Democratico nel proprio territorio. Il Circolo curerà l’organizzazione delle attività e la raccolta di fondi necessari per conseguire lo scopo. Il Circolo si prefigge altresì la realizzazione di manifestazioni o di per la migliore realizzazione dello scopo. Il Circolo potrà svolgere la più ampia attività editoriale, compresa l’elaborazione di pubblicazioni periodiche e di prodotti audiovisivi e multimediali, inclusa ogni attività di supporto  alla costituzione e al supporto delle funzioni redazionali e quant’altro fosse ritenuto utile. Il Circolo non ha finalità lucrative e i suoi componenti si impegnano a collaborare, per le attività sopra indicate, di intesa con eventuali co-organizzatori pubblici e/o

Articolo 3

Il Circolo ha Ia propria sede legale in Milano, via Arzaga 28 Milano. I soci promotori sono domiciliati presso il Circolo. Il Circolo potrà inoltre istituire sedi secondarie e succursali e potrà svolgere tutte quelle attività finanziarie in genere ritenute utili al raggiungimento dello scopo sociale.

Articolo 4

II Circolo avrà durata indeterminata.

Articolo 5

Il patrimonio sociale è costituito dai fondi raccolti per pubblica sottoscrizione e dai proventi derivanti dalle attività previste dai successivi articoli 10 e 11 del presente statuto.

Articolo 6

Il Circolo articolerà le proprie modalità organizzative secondo le norme contenute nello statuto del Partito Democratico e nello statuto del Partito Democratico della Lombardia, alle quali si rimanda e che costituiscono parte integrante del presente statuto

Articolo 7

L’assemblea congressuale del Circolo, costituita ai sensi delle norme richiamate dall’ articolo precedente, elegge gli organi del Circolo medesimo, in particolare il Segretario ed il Tesoriere, oltre al coordinamento e al collegio dei garanti. Gli organi restano in carica fino alla successiva assemblea congressuale e svolgono gratuitamente I loro compiti, salvo il diritto al rimborso delle spese effettivamente sostenute in nome e per conto del Circolo. Il Circolo potrà avvalersi per lo svolgimento della propria attività anche di collaboratori retribuiti.

Articolo 8

Il Segretario ha la rappresentanza politico e legale del Circolo. Egli esegue le delibere del Circolo, gestisce i rapporti con gli Enti pubblici e privati e i terzi in genere, salvo espressa delega ad altro componente del Circolo e cura che siano redatti i verbali delle adunanze degli organi.

Il Tesoriere ha la rappresentanza legale e generale ed esclusiva per le attività economiche e cura la contabilità. Egli sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dal Circolo, può aprire e chiudere conti correnti bancari e postali e procedere agli incassi, con tutti i poteri necessari allo svolgimento dei suoi compiti.

Il Tesoriere può essere affiancato, nei propri compiti, da altra persona indicata dal Coordinamento del Circolo.

ln caso di mancanza o altro impedimento temporale del Segretario, ne fa le veci il presidente del collegio dei garanti- con tutti i poteri che competono a questi.

Articolo 9

Le adesioni al Circolo sono regolate dalle norme sul tesseramento contenute negli statuti richiamati dall’articolo 6 del presente statuto.

Articolo l0

Il Circolo godrà di piena autonomia e utilizzerà, per il conseguimento dei suoi scopi, fondi derivanti da contributi e o oblazioni da parte degli aderenti e di terzi.

Il Circolo, qualora lo ritenga opportuno per il miglior raggiungimento dello scopo sociale, potrà porre in essere anche attività commerciali, purché marginali e strettamente connesse all’oggetto sociale.

Articolo 11

La raccolta, la gestione, l’utilizzazione delle oblazioni sottoscritte e delle somme comunque riscosse è affidata al Segretario del Circolo e, per sua delega, al Tesoriere.

Articolo 12

L’esercizio sociale va dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

Il Tesoriere del Circolo redigerà il rendiconto economico finanziario che, oltre a fornire una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale del Circolo, con netta separazione tra le attività istituzionali e quelle commerciali, dovrà contenere una sintetica descrizione dei beni, contributi e lasciti ricevuti. L’atto così compilato sarà approvato dal coordinamento del circolo entro il 31 Marzo di ogni anno.

Articolo 13

È vietato distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché riserve o capitale, durante la vita del circolo, salvo che la destinazione o la distribuzione siano imposti dalla legge. Gli utili o gli avanzi di gestione sono impiegati unicamente per l’attività per la quale il Circolo è nato.

Articolo 14

In caso di scioglimento, il patrimonio residuo che risulterà dalla liquidazione è devoluto unitamente a tutto il materiale archivistico e documentario prodotto e raccolto dal circolo nella sua attività sarà devoluto al Partito Democratico del territorio di riferimento del Circolo stesso.

Articolo 15

Per quanto non previsto espressamente dal presente Statuto si fa riferimento alle disposizione contenute nel Codice Civile agli Statuti richiamati nell’articolo 6 ed alla normativa vigente in materia.

Milano, ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­13 Giugno 2014,
Letto, approvato, confermato e sottoscritto

Stefano Boeri
Cesare Castelli
Daniele Nahum